Archivio TRADERE

la memoria della lavorazione del travertino a Rapolano Terme
[cs] [de] [en] [es] [fr

 

 

di terra e di pietra

culture del lavoro e industria del travertino
a Rapolano Terme
 


Facendo seguito a una serie di iniziative di salvaguardia e valorizzazione della memoria dell'escavazione e lavorazione del travertino promosse dall'Associazione Culturale SAT in collaborazione con il Comune di Rapolano Terme e la Provincia di Siena, il CREA presenta i risultati della ricerca socio-antropologica realizzata nel 2011 per avanzare nell'indagine sulle conoscenze e le memorie dei mutamenti sociali, economici e identitari che l'estrazione e la trasformazione della pietra hanno prodotto sul territorio e sulla popolazione del comune di Rapolano Terme. Il lavoro di raccolta di testimonianze audiovisuali già realizzato dall'associazione SAT, incentrato sui luoghi del lavoro e sulle tecniche di lavorazione, ci ha aiutati a individuare la presenza di per lo meno quattro figure di lavoratori che hanno assunto dei ruoli chiave (anche se probabilmente sotto rappresentati) nella trasformazione dell'assetto socioeconomico dell'area rapolanese, precedentemente caratterizzata dalla prevalenza di un'economia agricola a conduzione mezzadrile: i proprietari delle cave, gli operai, i lavoratori della pietra ornamentale, le donne. La nostra ricerca ha preso avvio dal materiale audiovisuale già esistente, per ampliarlo mettendo al centro della campagna di raccolta le testimonianze orali di questi soggetti. Attraverso una metodologia comprendente la ricostruzione di alcune ed esemplari storie di vita individuali, storie di impresa e storie di famiglia, stato possibile delineare i principali passaggi e le caratteristiche dei cambiamenti storico-economici che hanno caratterizzato il territorio di Rapolano nell'immediato dopoguerra e nei successivi decenni, per come essi sono stati vissuti dai protagonisti dell'epoca, a partire dal filtro della memoria prodotta nel presente. Un inquadramento bibliografico di tipo storico-statistico ci ha permesso di porre queste memorie in prospettiva, tenendo conto degli avvenimenti politico-economici di portata più generale.
Dalla introduzione del libro

di terra e di pietra
di Maurizio Gigli, Valentina Lusini, Sara Tagliacozzo, Francesco Zanotelli
edizioni effigi - primamedia 2012
N.Pagine: 400
Formato: 15x21

 
back